La prova orale

La prova orale, che prevede anch’essa una valutazione in trentesimi, e che non potrà essere svolta in modalità telematica, consiste:

 

a) nella discussione:

1) del percorso culturale e di ricerca del candidato sulla base del curriculum vitae, della tesi di laurea e di eventuali pubblicazioni;

2) del progetto di ricerca presentato

 

b) nell’accertamento delle competenze disciplinari e di analisi possedute dai candidati.

 

Verranno infine verificate le competenze linguistiche del candidato con una prova di lettura e traduzione di testi scientifici relativi ai settori disciplinari del dottorato. Si dovrà dimostrare una buona conoscenza della lingua inglese; per il Curriculum di “Studi Europei e Internazionali”, anche di una seconda lingua, scelta tra francese, spagnolo e tedesco.

 

 

I Curricula di Studi di Genere e di Studi Europei e Internazionali non prevedono una bibliografia di preparazione al concorso.

Il Curriculum di Governo e Istituzioni suggerisce invece alcuni testi consigliati in riferimento a diritto ed economia in relazione all’accertamento delle competenze disciplinari e di analisi possedute dai candidati. In particolare:

Diritto

  • Napolitano, Pubblico e privato nel diritto amministrativo, Giuffré, 2003
  • Mastragostino (a cura di), La collaborazione pubblico-privato e l’ordinamento amministrativo, Giappichelli, Padova, 2011
  • M. De Benedetto, M. Martelli, N. Rangone, La qualità delle regole, Il Mulino, Bologna, 2011.

Economia

  • Blanchard, A. Amighini, F. Giavazzi, Macroeconomia. Una prospettiva europea, Il Mulino, Bologna, 2014
  • Bowles, Microeconomia, Comportamento, Istituzioni, Evoluzione,  a cura di M.A. Rossi, on line
  • De Grawe, Economia delle unioni monetarie, Il Mulino, Bologna, 2013.

Commenti chiusi